martedì 2 aprile 2013

Praticamente Emma


Conosco Emma La Pratica dalla notte dei tempi. Da molto prima che perdesse per strada il proprio nome e, in una serata di quelle che poi ci si ricorda per anni, venisse ribattezzata Emma La Pratica.

Emma incarna, contrariamente a quanto il suo finto cognome lascerebbe presumere, la quintessenza dell'essere svampiti. Con la sua parlantina venata da un accento che, nonostante viva a Napoli da più di trent'anni, conserva ancora una eco lontana dell'infanzia vissuta a Lecce, Emma - per affetto, disponibilità e altruismo - ha la straordinaria capacità di complicare ciò che è semplice, di rendere disorganizzato ciò che, senza il suo provvidenziale intervento, sarebbe scivolato via pigramente, seguendo il naturale corso delle cose.

Emma organizza picnic in giardino in cui, chissà come mai, ci si ritrova ad aver preparato quattro primi e tre dolci, ma mancano bevande, secondi o verdure; coordina andate al cinema mettendo a punto un sistema di passaggi in auto che prevedono - immancabilmente - che si facciano i giri più lunghi nelle zone più trafficate, perché le logiche con cui Emma stabilisce chi passerà a prendere chi, si basano sulle affinità elettive più che sulla contiguità geografica. O almeno questa è la spiegazione che noi amici ci siamo dati.

Il candore di Emma fa sì inoltre che solo con estrema cautela le si possano fare delle confidenze. Emma non sa cosa significhi serbare un segreto e ha il dono di svelare anche quelli più intimi nei momenti più inappropriati, alle persone meno indicate. Ma lo fa, bisogna ammetterlo, con una tale innocenza, una tale ironia innata e una tale leggerezza, che mai nessuno se n'è avuto a male e tutt'al più la cosa si è risolta con un avvampare improvviso delle gote, grandi risate e il constatare quanto già noto: se vuoi che una cosa non si sappia, non raccontarla a Emma. 

Ma il motivo principale per cui Emma gode di una fama che non ha eguali fra i miei amici, è la sua incredibile abitudine di ingarbugliarsi fra le parole, dando vita a svarioni che sono diventati le pietre miliari della nostra lunga amicizia.

Conversando con Emma, non è raro sentirle fare affermazioni come: "Quel film lì... quello con Robert De Niro... quello in cui giocavano alla roulotte russa". Oppure: "No, lì non ci si può andare in bicicletta... la strada è tutta disossata." C'era poi un suo amico che aveva una meravigliosa collezione di gulash napoletane del '700, o ancora un altro con cui aveva appuntamento a Piazza San Gesù, anzi veramente lì vicino, al Chioschetto di Santa Chiara. Ricordo ancora la sera che, al telefono, mi leggeva i titoli dei film in programmazione al cinema, per poi concludere che secondo lei il migliore era un thriller appena uscito: Il profumo del mostro selvatico.

Se la pressione dell'acqua è poca, Emma accende l'autoclava; se deve servire delle melanzane, ti chiede una spelonca in cui metterle (si riferisce, per chi non è napoletano, alla sperlunga, ovvero un piatto da portata di forma ovale e leggermente concavo). Del suo viaggio a Dominica, le è rimasta impressa Fatima Churchill che, ben lungi dall'essere una discendente di Winston, è semplicemente una chiesa dedicata alla madonna di Fatima e, da sempre, ha un debole per Yves Saint Montand - nome con cui presumo si riferisca all'attore piuttosto che allo stilista, perché in fatto di moda Emma non è mai andata molto oltre i jeans e le camper ultra flat.

Bisogna dire comunque che c'è chi fa di peggio: in una memorabile conversazione, mio fratello mi disse che per ottenere i biglietti per il concerto che avremmo ascoltato quella sera, aveva dovuto combattere a sparatrappo, dopodiché mi diede appuntamento a più tardi.
Mi avrebbe aspettato nel foie gras del teatro.
Ma di questo, magari, vi racconterò un'altra volta.


RAVIOLI AI FRIARIELLI, PATATE E FIORDILATTE IN GUAZZETTO DI VONGOLE

Per 4 persone

Per la sfoglia
300 g di farina 0
2 uova codice 0
40 g di friarielli lessati
sale

Per il ripieno
250 g di patate
100 g di fiordilatte
un cucchiaio di olio EVO
sale e pepe

Per il guazzetto
500 g di vongole
4 pomodorini
200 g di friarielli
2 spicchi d'aglio
mezzo bicchiere di vino bianco
olio EVO
sale e pepe

Ora, credo conveniate con me che a un post dedicato a Emma La Pratica fosse impensabile non abbinare una ricetta con le vongole visto che, come scherzosamente le ripeto spesso, ogni volta che apre bocca ne viene fuori un sauté. Impensabile anche abbinarvi una ricetta di quelle facili e veloci, da neofita dei fornelli, vista la sua propensione a complicare il complicabile. La scelta è caduta allora su questi ravioli di innegabile matrice partenopea, che sono elaborati quanto basta da dedicarvi una mattinata, ma ripagano ampiamente tempo e fatica, tanto sono buoni, sorprendenti e insoliti, proprio come la mia Emma.


Lavate per bene le patate, asciugatele, avvolgetele nella carta argentata e cuocetele in forno a 160° fin quando non saranno ben morbide. Intanto lessate i friarielli - sia quelli per la sfoglia che quelli per il guazzetto - in acqua bollente salata, quindi scolateli, prendetene 40 gr e frullateli con le uova. Disponete poi la farina a fontana, incorporatevi la miscela di uova e friarielli, e un pizzico di sale. Impastate a lungo, e quando la massa sarà diventata liscia e omogenea continuate a lavorarla per altri 5 minuti, quindi avvolgetela nella pellicola e lasciatela riposare una mezz'oretta.

Sbucciate le patate e lavoratele in una ciotola con la frusta elettrica, aggiungendo sale, pepe e il cucchiaio d'olio fino a ottenere una sorta di crema ben soda, che si stacchi dalle pareti della ciotola. Unitevi il fiordilatte tritato nel mixer - molto meglio se comprato il giorno prima e tenuto in frigo - e mescolate bene.

Stendete la sfoglia con l'apposita macchinetta, diminuendo progressivamente lo spessore fino a farla diventare quasi trasparente, quindi formate i ravioli mettendo al centro di ognuno una pallina di composto di patate.



In un largo tegame, fate soffriggere l'aglio con l'olio e i pomodorini, quindi aggiungete i friarielli lessati e fateli insaporire per qualche secondo, unite al tutto le vongole, coprite con un coperchio e scuotete con forza e ripetutamente il tegame. Quando le vongole si saranno aperte, sfumatele con del vino bianco.

Lessate i ravioli in acqua bollente salata, e scolateli con un ragno man mano che vengono a galla. Conditeli ripassandoli un attimo nel tegame delle vongole, in modo che prendano sapore e serviteli disponendo sul fondo del piatto un ciuffetto di friarielli, irrorandoli con il guazzetto e le vongole sgusciate, e infine decorandoli con qualche vongola ancora nel guscio disposta ad arte sul piatto.

Come sempre, fatemi sapere.

21 commenti:

  1. È un piacere leggerti ed il foie gras del teatro mi ha proprio rallegrato la giornata.
    Un saluto,
    Cristina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne rimasi un po' inquietata, lo confesso. Ma si trattava di mio fratello, e questo credo faccia la differenza.
      Grazie dei complimenti,
      un bacio

      Elimina
  2. praticamente dobbiamo ringraziare Emma del grande ritorno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che invece il merito è tuo... e delle tue intimidazioni. :-)

      Elimina
  3. hi hi hi ...che spasso ... giusto prima di cena.
    Vado a farmi un amburgo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il capomasto di una mia amica, con lei in trasferta lavorativa a Parigi, si lamentava perché in Francia nell'amburgo mettono sempre quello spingolo di cipolla che a lui restava sullo stomaco.
      Dopodiché, finita la pausa pranzo, se ne tornava a smerigliare intonaci con la carta a-Brasile.

      Elimina
  4. In amo Emma, se non esistesse bisognerebbe inventarla ! <3

    RispondiElimina
  5. Se dovessi morire all'improvviso voglio essere avvolto da questa sfoglia verde brillante.
    Massimo m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ho un bel po' nel surgelatore... non so se basti a farti da sudario, ma di sicuro è sufficiente per un invito a cena. Quando vieni?

      Elimina
  6. Benedetta, ma che voglia di autoinvitarmi a casa tua! Questi ravioli mi ispirano orizzonti culinari inusitati e favolosi, GRAZIE! Sono anche molto belli, ci tengo a dirlo. E ci tengo anche a dire che, per quanto sia dotata di una buona proprietà di linguaggio, spesso confondo i nomi degli attori famosi, e le mie amiche mi prendono in giro da qui all'infinito, e oltre...grossa solidarietà a Emma!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inverno con noi non è stato clemente, ma mi auguro che sia ormai passata l'epoca dell'influenza, dei raffreddori, e via dicendo e che la prossima volta che verrai a Napoli riusciremo a vederci. In quel caso non c'è bisogno che ti autoinviti, ti invito io fin d'ora. E se mi avvisi per tempo troverai una bella porzione di ravioli confezionati sottovuoto da riportarti nella douce France.

      Elimina
    2. Benedetta mi sa che mi hai scambiata per qualcun altro, io sono di Mantova! Potrei accettare lo stesso invito a cena con pacchetto ma sarei disonesta, giusto?
      Per un attimo è stato bello crederci, però :)
      Federica

      Elimina
    3. Federica, sì... ti ho clamorosamente confusa con qualcun altro! Ciò non toglie che i ravioli confezionati sottovuoto potrei spedirteli a Mantova. Ma tu sei disposta a ricambiare con una porzione di tortelli di zucca? :-)

      Elimina
  7. ma a quando uno post su paccone? ...e a proposito Emma ti ricorda di quando riparò la sogliola della finestra per i troppi spifferi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia memoria è fallica (e qui cito l'elettricista di Roccaraso) e le vongole di Emma sono davvero troppe per poterle ricordare tutte...

      Elimina
  8. c'è un pò di Emma in ognuno di noi :-)

    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche intorno, se è per questo :-)

      Elimina
  9. Mitiche tutte le Emme del mondo. E anche un po' tu col tuo piatto però...

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina